Casa Payer

A cinque stelle ne preferisci milioni? Allora vieni a trovarci. Casa Payer ci ricorda una vecchia nave: ti aspettiamo a bordo per navigare nel bosco.

Luca e Paola

Casa Payer è una suggestiva cascina di pietra, a conduzione vegana.
È il nostro progetto di vita che condividiamo con gli ospiti proponendo soggiorni ecosostenibili e cucina vegetale casalinga. [Leggi tutto]

Casa Payer è un’IMPRESA INNOVATIVA: scopri come l’abbiamo realizzata

Camere

V

da € 90 al giorno

L

da € 70 al giorno

N

da € 70 al giorno

ABC di Casa Payer

IL BOSCO GIARDINO

Gli spazi di confine tra il bosco e la nostra presenza sono diventati un Bosco Giardino: piante coltivate ornamentali, da frutto e aromatiche convivono con le spontanee. Puoi vedere l’orto dal balcone del solarium o entrarci come in un giardino.

CUCINA VEGETALE

Proponiamo una cucina vegetale casalinga fresca di giornata, le ricette sono stagionali, sane e gustose. Gli ingredienti provengono da realtà locali e produttori selezionati. Alcune verdure, frutti e piante aromatiche crescono nell’orto e nei giardini della casa.

IL PANE

Se sei ospite a Casa Payer, puoi partecipare alla panificazione del sabato impastando in compagnia le farine bio macinate a pietra. Cuociamo pani e pizze nel grande forno a legna che scaldiamo utilizzando la legna proveniente dalla pulizia invernale dei nostri boschi.

IL NON FARE

E’ fare senza aspettative, cambiare punto di osservazione. L’ozio e la contemplazione ne fanno parte, così come camminare a piedi scalzi per ristabilire il contatto con la Terra e con noi stessi. Può aiutare anche ascoltare il suono del torrente, ritornare raccoglitori nomadi.

GLI SPAZI

Ci sono molti spazi da esplorare in cui appartarsi o stare insieme: il giardino delle erbe, il cortile col solarium, il prato, le amache nel bosco di betulle, le terrazze coperte, l’orto a cassoni, la saletta con vista sul bosco dove serviamo la colazione e i pasti, la sala Mantra (Il grande fienile panoramico).

CHE FARE

Il bello di Casa Payer è che sei già su un itinerario verde, un territorio un po' appartato ritornato selvatico da quando l’agricoltura ha preferito la "terra facile" di pianura. La posizione collinare permette di fare passeggiate alla portata di tutti. Questa è una valle Valdese, con la sua storia spesso raccontata attraverso luoghi nella natura.

CHI POTRESTI INCONTRARE

Quando arrivi in macchina, fai attenzione a non schiacciare Rane e Salamandre sulla strada del bosco. D’inverno, Cince, Pettirossi e altri uccellini vengono a beccare i semi e il pane che gli appendiamo ai rami vicini a casa, specie quando nevica. Mettiamo a dimora molte piante con le bacche: sono bellissime e attirano tanti uccelli con i loro frutti.

BIOEDILIZIA

Casa Payer è fatta di Bosco: con gli alberi, la pietra e la terra argillosa del bosco in cui è immersa. L’abbiamo ristrutturata rispettando le tecniche costruttive originali, con i criteri della bio edilizia e con la voglia di abitare questo posto antico che risuona dell’energia ancestrale della pietra e dell’armonia del legno.​

 

Chi Siamo

Io e Paola da viaggiatori dell’Asia abbiamo deciso di fermarci per ospitare, di “mettere radici” in un bosco e scambiare con gli ospiti un’esperienza di vita vegan, rurale, in armonia con l’ambiente.
E’ nata così Casa Payer, b&b e nostra dimora. Abitare nel bosco è il nostro viaggio nella vita selvatica. E’ sul sentiero di quest’antica dimora in un bosco giardino che inizia il viaggio, di appena un chilometro ma “fuori del Mondo”.

LEGGI TUTTO

Le ultime dal bosco

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
2 weeks ago
Ogni tanto la mattina presto trovo questo scricciolo (o penso lo sia) accucciato a tenersi caldo nel balconcino protetto della Salamantra. Certe volte porto qualcosa di caldo e lo proteggo. Lui lascia fare, è morbido e stamattina mi guardava e cinguettava.
Atavicamente sa che luomo è pericoloso e che tende agguati. Ma penso anche che gli animali che vivono intorno a noi sentano odori amici anche solo perché non ci cibiamo di loro.

Ogni tanto la mattina presto trovo questo scricciolo (o penso lo sia) accucciato a tenersi caldo nel balconcino protetto della Salamantra. Certe volte porto qualcosa di caldo e lo proteggo. Lui lascia fare, è morbido e stamattina mi guardava e cinguettava.
Atavicamente sa che l'uomo è pericoloso e che tende agguati. Ma penso anche che gli animali che vivono intorno a noi sentano odori amici anche solo perché non ci cibiamo di loro.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

È un regolo, l'uccellino più piccolo d'Europa. Potrebbe aver sbattuto nel vetro, non è normale stia fermo, o essere molto intirizzito dal freddo. Più sono piccoli più lo patiscono. Può sempre metterlo per qualche minuto sopra una calda maglia e soffiare con la bocca dolcemente aria calda, molto vicino a lui. Xò i vetri sono micidiali. Chissà...

Un regolo comune

2 weeks ago
Oggi un venticello caldo ci avvolge. Questa valletta con poche abitazioni, biodiversità animale (di terra e di acqua) vegetale e minerale (quarzite, grafite, argille ecc) è veramente una risorsa per tutti anche per il vicino paese. Un polmone verde con una strada praticamente in piano da percorrere a piedi, in bici, a cavallo. Che risorsa! Poco inquinamento visto che non ci sono allevamenti ne coltivazioni intensive. La montagna si salva o almeno ci si prova a salvare il salvabile.

Oggi un venticello caldo ci avvolge. Questa valletta con poche abitazioni, biodiversità animale (di terra e di acqua) vegetale e minerale (quarzite, grafite, argille ecc) è veramente una risorsa per tutti anche per il vicino paese. Un polmone verde con una strada praticamente in piano da percorrere a piedi, in bici, a cavallo. Che risorsa! Poco inquinamento visto che non ci sono allevamenti ne coltivazioni intensive. La montagna si salva o almeno ci si prova a salvare il salvabile. ... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Sta terra che ha bisogno di noi e ci regala colori e colori. Ma noi? Un abbraccio.

3 weeks ago
Di ritorno da una giornata di fornitori ho chiesto a Luca di fare una piccola deviazione per comperare una cosa che avevo visto da tempo e che volevo mettere in SalaMantra. Faccio veloce dico.
In tutta risposta Luca mi dice:
Altro che cinque minuti quando entri nel buco nero delle giargiattole!
Ho riso a più non posso.
In foto la giargiattola (quella luminosa ;)

Di ritorno da una giornata di fornitori ho chiesto a Luca di fare una piccola deviazione per comperare una cosa che avevo visto da tempo e che volevo mettere in SalaMantra. Faccio veloce dico.
In tutta risposta Luca mi dice:
Altro che cinque minuti quando entri nel buco nero delle giargiattole!
Ho riso a più non posso.
In foto la giargiattola (quella luminosa 😉
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Belle 🤩🤩🤩 E comunque ci sono giargiattole che hanno un loro perché e sono indispensabili 😉

Stupenda... Magica Paola🌟💞

Belle le microluci

Oooohhhhh😍😁